Nuovo Streetfighter V4

The Fight Formula

    

La Panigale V4 spogliata delle carene, con manubrio alto e largo, 178 kg di peso, motore Desmosedici Stradale 1.100 cc con 208 CV, tenuti a bada da ali biplano e da un pacchetto elettronico di ultima generazione; questa è la "Fight Formula", ovvero la formula che dà vita allo Streetfighter V4. 

Il risultato è una naked Ducati, moderna e tecnologica con un design aggressivo ed emozionante, capace di rendere chi la guida protagonista su ogni strada.

Lo spirito dello Streetfighter V4 è perfettamente rappresentato dal design minimalista del proiettore full-LED che richiama il frontale della Panigale V4 e rimanda all’espressione del Joker, il personaggio dei fumetti a cui si è ispirato il designer della nuova naked. La firma di Ducati è poi rappresentata dal DRL a V che caratterizza già Panigale V4 e SuperSport.

Una moto molto performante ma con una grande attenzione al comfort, grazie a una ergonomia rilassata, una sella ben imbottita e delle sospensioni tarate per l’uso stradale. Una moto sicura, come tutte le Ducati di nuova generazione, grazie a un pacchetto elettronico molto completo che ha come primo obiettivo quello di aumentare la facilità e la sicurezza di guida 

Lo Streetfighter V4 sul palco della DWP2020

La nuova naked Ducati raccontata dalle parole dell’Amministratore Delegato Claudio Domenicali durante la DWP2020.

Il nuovo Streetfighter V4
Ego Booster Design
Desmosedici Stradale Performance
Aerodynamic

Streetfighter V4

Ducati Red con telaio grigio scuro e cerchi neri. Disponibile nelle Concessionarie a partire da Marzo 2020.
20´995 CHF i
  • Ducati Red

Streetfighter V4 S

Ducati Red con telaio grigio scuro e cerchi neri
23´995 CHF i
  • Ducati Red
Cilindrata
1.103 cc
Potenza
208 CV (153 kW) i
Coppia
123 Nm (12,5 Kgm) i
Altezza sella
845 mm
Peso a secco
180 kg
Cilindrata
1.103 cc
Potenza
208 CV (153 kW) i
Coppia
123 Nm (12,5 Kgm) i
Altezza sella
845 mm
Peso A Secco
178 kg
Streetfighter V4
Streetfighter V4 S
DES EVO
-
Sospensione anteriore
Forcella Showa BPF a steli rovesciati in acciaio cromato da 43 mm, completamente regolabile.
Forcella Öhlins NIX30 a steli rovesciati da 43 mm con trattamento TiN degli steli, completamente regolabile.
Sospensione posteriore
Ammortizzatore Sachs
Ammortizzatore Ohlins TTX36 completamente regolabile
Ammortizzatore di sterzo
Sachs
Öhlins
Cerchi
In lega leggera
Forgiati in alluminio Marchesini.
Peso a secco
180 kg
178 kg
Peso in ordine di marcia
201 kg
199 kg

Prova adesso le moto

Contatta il Concessionario Ducati più vicino a te per richiedere informazioni sul nuovo Streetfighter V4. Scegli uno dei modelli e contattalo subito!

L'ispirazione: Joker

Lo spirito dello Streetfighter V4 è perfettamente rappresentato dal design minimalista del proiettore full-LED che, se da un lato richiama il frontale della Panigale V4, dall’altro rimanda all’espressione folle del Joker, il personaggio dei fumetti a cui si è ispirato il designer del Centro Sile Ducati nel realizzare la nuova naked di Borgo Panigale. 

La firma di Ducati è poi rappresentata del DRL a V che caratterizza già Panigale V4 e SuperSport.

Il compatto gruppo ottico anteriore è inserito in una carenatura a doppio layer dal disegno particolarmente curato, in cui sono ricavate le prese d’aria per l’air-box e per il raffreddamento delle unità LED, mentre un deflettore posteriore evita che il flusso impatti direttamente sul serbatoio. 

Il proiettore è sormontato dal cruscotto TFT da 5” (lo stesso della Panigale V4) integrato con una sofisticata cover frontale che nasconde elegantemente i fissaggi e il cablaggio.

Il frontale basso e proteso in avanti, a proseguire le linee caricate del serbatoio, conferiscono allo Streetfighter V4 un aspetto da predatore pronto all’attacco.

Il telaio “Front Frame” e il Desmosedici Stradale sono lasciati quanto più possibile a vista, parzialmente coperti da sovrastrutture ridotte al minimo che, con linee affilate e volumi scultorei, creano un insieme pulito ed essenziale. Dietro al radiatore spiccano i profili estrattori dell’aria calda, ispirati al mondo delle auto di F1. 

Questi hanno funzione strutturale, sono fissati direttamente al telaio e integrano le doppie ali sovrapposte che, oltre a essere un richiamo alla MotoGP, generano il carico verticale necessario per garantire la massima stabilità alle alte velocità. La combinazione cromatica della doppia zona rossa con al centro l’estrattore di colore nero regala alla vista laterale ancora più dinamismo.

La magia dell'Aerodinamica

Per lo Streetfighter V4 sono state sviluppate delle ali in configurazione biplano progettate dagli specialisti di Ducati Corse in collaborazione con il Centro Stile Ducati, che garantiscono la massima stabilità sia alle alte velocità sia in frenata e una minore tendenza all’impennata in accelerazione, limitando il più possibile gli interventi sulla ciclistica, così da avere un comportamento agile e svelto nel misto, 

Lo sviluppo aerodinamico è stato svolto interamente con simulazioni CFD (Computational Fluid Dynamics) utilizzando una metodologia di calcolo che prevede simulazioni stazionarie dei campi di moto e di pressione con l’obiettivo di aumentare la forza verticale sul veicolo, in particolare sulla ruota anteriore.

Per ridurre il più possibile l’ingombro laterale delle appendici è stato scelto di sviluppare una configurazione aerodinamica che prevede due ali di apertura ridotta posizionate in forma di biplano con lo scopo di farle lavorare indipendentemente. 

La singola appendice è descrivibile come un’ala ad elemento singolo e pianta rettangolare, provvista di winglet sull’estremità laterale esterna. Le ali sono state posizionate il più vicino possibile alla ruota anteriore (in prossimità dei fianchetti radiatore laterali) in modo da massimizzare l’effetto anti-impennante.

L’effetto dell’introduzione delle appendici aerodinamiche è di 28 kg di “downforce” a 270 km/h, di cui 20 kg sulla ruota anteriore e 8 kg sulla ruota posteriore. Le ali danno anche benefici a livello di smaltimento termico aumentando la velocità di attraversamento dei radiatori acqua e olio, rispettivamente del +2% e +10%.

Il carico verticale generato dalle ali riduce il “galleggiamento” della ruota anteriore alle alte velocità, la tendenza all’impennata e incrementa la stabilità durante le fasi di frenata, ingresso e percorrenza di curva.

Una naked senza rivali

Il nuovo Streetfighter V4 è equipaggiato con il Desmosedici Stradale da 1.103 cm³. In questa configurazione il V4 di 90° eroga 208 CV (153 kW) a 12.750 giri/minuto, una potenza elevata per una naked, che non ha rivali nel segmento, coerente all’immagine forte che è propria del nuovo Streetfighter V4. 

Praticamente immutato rispetto alla Panigale V4 il valore di coppia massima di 123 Nm (12,5 kgm) a 11.500 giri/minuto. Una mappa dedicata del controllo motore consente di sfruttare in tutta sicurezza le prestazioni dello Streetfighter V4 nell’impiego su strada.

Il rapporto finale più corto rispetto a quello della Panigale V4 regala una coppia alla ruota superiore del + 10% che assicura una risposta immediata ai comandi dell’acceleratore.

Potenza e coppia possono crescere ulteriormente raggiungendo rispettivamente i 220 CV e i 130 Nm montando lo scarico full-racing Ducati Performance by Akrapovič completamente in titanio che riduce anche il peso di 6 Kg (non omologato per uso stradale).

In alternativa si possono montare i silenziatori in titanio Akrapovič che aumentano la potenza fino a 216 CV per una riduzione di peso di 4Kg (non omologati per uso stradale).

Motore derivato dalla MotoGP

Il Desmosedici Stradale è stato progettato partendo dal cuore del motore V4 della MotoGP, ovvero le teste.

La fluidodinamica del Desmosedici Stradale riprende le dimensioni e la geometria utilizzate sulla Desmosedici GP, così come la configurazione del motore: V4 a 90° ruotato all’indietro di 42°. Questa soluzione rende il motore estremamente compatto e permette di centrare le masse, consentendone una perfetta integrazione nel veicolo.

Strada e pista: architettura racing

    

L’alesaggio di 81 mm è lo stesso usato per la Desmosedici GP, ed è la dimensione massima consentita dal regolamento MotoGP, oltre che la più elevata nel segmento delle supersportive 4 cilindri. La corsa di 53.5 mm è invece più lunga del motore GP, per fornire una coppia maggiore in uso su strada, e per ridurre la velocità di rotazione massima del motore. L’utilizzo dello stesso alesaggio del motore Desmosedici GP fa sì che anche tutta la parte fluidodinamica, che è in pratica il cuore del motore, sia vicinissima tra le due unità motrici.

La configurazione V4 a 90° rende il motore estremamente compatto, permette di centrare le masse e consente una sua migliore integrazione nella moto. Il Desmosedici Stradale è stato infatti inserito nel veicolo con la bancata anteriore dei cilindri ruotata indietro di 42° rispetto al piano orizzontale, come sui motori Ducati che competono in MotoGP. 

Questo ottimizza la distribuzione dei pesi, permette l’adozione di radiatori più estesi e consente di avanzare il fulcro del forcellone. La sua architettura genera inoltre una naturale equilibratura delle forze del primo ordine, senza l’aggravio di peso e la perdita di potenza di un eventuale contralbero di equilibratura.

    

L’aspirazione è affidata a quattro corpi farfallati ovali con diametro equivalente di 52 mm collegati a cornetti di aspirazione fissi di 70 mm di lunghezza. Ogni corpo farfallato è dotato di due iniettori: uno sotto farfalla specifico per le condizioni di utilizzo a basso carico e uno sopra che viene attivato quando al motore si richiede di esprimere le maggiori performance. 

I corpi farfallati di ogni bancata sono mossi da un motorino elettrico dedicato, che grazie al sistema full Ride by Wire permette strategie di controllo elettroniche complesse e permette di modulare il carattere del motore in relazione al riding mode scelto dal pilota.

Per migliorare il comfort nella guida in città è prevista la disattivazione automatica dei cilindri della bancata posteriore al minimo quando la temperatura dell’acqua è superiore ai 75°.

  

Intervalli di manutenzione

Il Desmosedici Stradale prevede la regolazione del gioco valvole (Desmo Service) ogni 24.000 km, mentre i tagliandi sono ogni 12.000 Km/12 mesi.

Ergonomia: più comfort più controllo

Rispetto alla Panigale V4 la posizione in sella del pilota, che siede a un’altezza da terra di 845 mm, è stata ridefinita secondo le specifiche di un modello naked. 
Come vuole la cultura streetfighter, i semi manubri sono sostituiti da un manubrio alto e largo che, insieme ad una sella con ben 60 mm di imbottitura ed una posizione meno estrema delle pedane pilota, garantisce un comfort sportivo nella guida urbana e il controllo necessario per aggredire le strade extraurbane o la pista.
Pur mantenendo gli stilemi della Panigale, la coda è supportata da un telaietto in acciaio ed è stata ridisegnata per offrire un maggiore comfort al passeggero e più spazio longitudinale al pilota. 

Sospensioni raffinate

Lo Streetfighter V4 monta una forcella Showa Big Piston Fork (BPF) da 43 mm di diametro completamente regolabile nel freno idraulico, in compressione ed estensione, e nel precarico molla. I foderi forcella alloggiano steli cromati su cui sono fissate pinze freno radiali Brembo. Il pacchetto anteriore è completato dall’ammortizzatore di sterzo Sachs. 

Al posteriore c’è un ammortizzatore Sachs completamente regolabile fissato da un lato al motore Desmosedici Stradale tramite un forgiato di alluminio.

Lo Streetfighter V4 S è invece equipaggiato con una forcella Öhlins NIX-30, ammortizzatore posteriore Öhlins TTX36 e ammortizzatore di sterzo sempre Öhlins con sistema di controllo event-based. Su questa versione le sospensioni e l’ammortizzatore di sterzo sono controllati dal sistema di controllo di seconda generazione Öhlins Smart EC 2.0, caratterizzato tra le altre cose dalla nuova interfaccia di regolazione OBTi (Objective Based Tuning Interface).

Cerchi e pneumatici

Mentre lo Streetfighter V4 monta cerchi fusi in alluminio dal disegno a 5 razze, la versione V4 S è dotata di cerchi Marchesini a 3 razze forgiati in lega di alluminio. 

I cerchi calzano pneumatici Pirelli Diablo Rosso Corsa II, che uniscono prestazioni da pista a versatilità su strada, nelle misure 120/70 ZR17 per l’anteriore e 200/60 ZR 17 per il posteriore, misure già ampiamente utilizzate per il prodotto slick nel Campionato Mondiale FIM Superbike. 

La mescola del posteriore è stata appositamente studiata da Pirelli per lo Streetfighter V4 al fine di garantire lo stesso comportamento dinamico del modello race replica Supercorsa SP che monta la Panigale V4, ma con un innalzamento delle performance a freddo, al fine di garantire la versatilità richiesta da un modello naked. 

Impianto frenante con pinze Brembo Stylema®

La gamma Streetfighter V4 monta le potenti pinze monoblocco Brembo Stylema® che rappresentano l’evoluzione delle già performanti pinze M50.

Le doppie pinze Brembo hanno ciascuna quattro pistoncini da 30 mm di diametro che lavorano su dischi da 330 mm di diametro, garantendo un’eccezionale potenza frenante. Mentre al posteriore troviamo un disco singolo 245 mm con pinza a 2 pistoncini. L’impianto frenante è coadiuvato dal sistema ABS Cornering EVO, che sfrutta la leggerissima centralina 9.1MP.

Serbatoio da corsa

Il serbatoio è in alluminio da 16 Litri che, come avviene sulle moto da pista, ha una parte di capacità collocata sotto la sella del pilota. Rispetto alla Panigale V4 il serbatoio è stato opportunamente modificato nella zona inferiore per consentire il montaggio di una sella con maggiore schiumato per aumentare il comfort pilota. 

Nella parte anteriore lo spazio non occupato dal carburante è stato utilizzato per collocare tutta l’elettronica, inclusa la batteria.

Controlli elettronici derivati dalla MotoGP

Il pacchetto elettronico di ultima generazione dello Streetfighter V4 è basato sull’impiego di una piattaforma inerziale a 6 assi (6D IMU – Inertial Measurement Unit) in grado di rilevare istantaneamente angolo di rollio, di imbardata e di beccheggio della moto nello spazio.

Il pacchetto elettronico comprende controlli che gestiscono tutte le fasi della guida: alcuni sono deputati alla partenza, accelerazioni e frenate, altri sovrintendono alla trazione, altri ancora sono relativi alle fasi di percorrenza ed uscita di curva. 

  • ABS Cornering EVO
  • Ducati Traction Control (DTC) EVO 2
  • Ducati Slide Control (DSC)
  • Ducati Wheelie Control (DWC) EVO
  • Ducati Power Launch (DPL)
  • Ducati Quick Shift up/down (DQS) EVO 2
  • Engine Brake Control (EBC) EVO
  • Ducati Electronic Suspension (DES) EVO 

I parametri di funzionamento di ciascun controllo sono associati di default ai tre Riding Mode di cui lo Streetfighter V4 è dotato. Al pilota è data la possibilità di personalizzare i propri stili di guida e di ripristinare i parametri impostati da Ducati. 

È possibile la modifica rapida del livello di una tra le funzioni di controllo DTC, DWC, DSC o EBC tramite i tasti di accesso diretto posti sul commutatore sinistro.

  

Strumentazione TFT di seconda generazione

 Il nuovo Streetfighter V4 utilizza lo stesso cruscotto full-TFT da 5” a colori ad elevata risoluzione (186.59 PPI - 800xRGBx480) della Panigale V4. L’elemento dominante del cruscotto è il contagiri circolare virtuale, posto sul lato destro. 

I giri del Desmosedici Stradale sono visualizzati attraverso un indicatore a lancetta, seguito nel suo movimento da una scia bianca che funge da “shiftlight” mutando colore da bianco, ad arancione, fino a diventare rossa all’approssimarsi della zona di fuori giri.

Sono disponibili due diversi lay-out richiamabili dal pilota: la visualizzazione “Track”, che mette in primo piano l’indicazione del tempo sul giro e in cui la scala del contagiri rende nettamente più visibili i regimi motore utilizzati in pista, e la visualizzazione “Road”, che sostituisce al tempo sul giro le indicazioni relative al Ducati Multimedia System (DMS), se presente, e dà più visibilità ai regimi motore impiegato su strada.

Gruppo di scarico completo in titanio

Realizzato in esclusiva da Akrapovič con l'esperienza Ducati. È il più avanzato gruppo completo racing disponibile sul mercato. Ogni singola sezione dell'impianto è fabbricata in una speciale lega di titanio, leggerissima e resistente alle alte temperature, che consente una riduzione di peso. 

Una volta installato sulla moto, lo scarico aumenta sensibilmente il già ottimo rapporto peso-potenza della Streetfighter V4, per accelerazioni ed allunghi mozzafiato. Mettendo a frutto la propria esperienza nelle corse abbiamo studiato al meglio le qualità della moto e dello scarico, mettendo a punto un perfetto connubio, che ricalibra, inesclusiva per questo scarico, i numerosi e fondamentali ausili elettronici: DTC, DWC, DPL e Slide on demand.

Incremento potenza fino a 220CV e riduzione di peso di 6Kg.

    

Kit frizione a secco

Come in MotoGP, dove l’unica cosa che conta è la prestazione massima, la frizione a secco viene resa disponibile per il nuovo Streetfighter V4. Si tratta di una frizione STM EVO-SBK, realizzata in alluminio dal pieno con campana e pacco dischi da 48 denti; i dischi sono 9 condotti e 9 guarniti con diametro di 138 mm. 

Nell’utilizzo estremo della moto in pista si hanno importanti benefici nel feeling di guida, in particolare la frizione a secco garantisce una più efficace funzione anti-saltellamento anche nelle scalate più aggressive e una maggiore fluidità in tutte le fasi di “off-throttle”, a questo si aggiunge la possibilità di personalizzare il livello di freno motore “meccanico” scegliendo una diversa molla secondaria tra quelle disponibili a catalogo.

Un importante plus è l’assenza di resistenza opposta dall’olio motore ed un olio più pulito, in quanto le polveri di usura dei dischi non vengono convogliate nel circuito di lubrificazione. Il carattere racing della frizione a secco rappresenta un valore aggiunto entusiasmante per i Ducatisti più appassionati.

Cover frizione a secco. 

Studiata per offrire un'ottimale ventilazione della frizione a secco nell'utilizzo in pista, è realizzata in alluminio dal pieno, finemente lavorato di CNC, e anodizzato nero per garantire un'elevata resistenza e mantenere l'aspetto originale nel tempo. Il design lineare ma deciso esalta la preziosa estetica della moto, donandole un autentico stile racing ed esaltando il tipico sound sportivo della frizione a secco.

    

Coppia cerchi in magnesio

La leggerezza unica del magnesio forgiato incontra lo stile delle 9 razze, un design inconfondibile che coniuga classe, alte prestazioni e riduzione di peso. La coppia di cerchi è omologata per l'utilizzo monoposto. La coppia di cerchi è omologata e testata per l’utilizzo della moto esclusivamente in configurazione monoposto; è quindi tassativamente vietato trasportare il passeggero.

Pedane pilota regolabili

Realizzate in collaborazione con Rizoma, in lega di alluminio anodizzato di altissima qualità che mantiene l'aspetto originale nel tempo. 

Regolabili su sei posizioni, permettono al pilota di trovare la posizione che più si adatta alla sua corporatura e al suo stile di guida. Dotate di pedali freno e cambio snodati per minimizzare il rischio di rottura in caso di scivolata. 

Utilizzano il DQS di serie, che può essere configurato sia come cambio tradizionale sia come cambio rovesciato/racing. Un accessorio indispensabile per i piloti più esigenti che vogliono vivere appieno l'esperienza Panigale.

    

Manopole Racing

Ispirate al mondo delle corse, queste manopole garantiscono un ottimo grip in ogni situazione di guida. Costruite per evitare scivolamenti accidentali della mano e ridurre le vibrazioni percepite.

Cover serbatoio in carbonio

Uno splendido dettaglio disegnato e progettato per impreziosire la parte anteriore del serbatoio dello Streetfighter V4 come solo la fibra di carbonio sa fare. Il finishing e le linee di questo accessorio si integrano perfettamente nel look racing della sportiva per eccellenza.

Iscriviti alla newsletter

Inserendo il tuo indirizzo email sarai sempre aggiornato sulle novità e le promozioni Ducati.

Puoi in qualsiasi momento completare la tua registrazione e creare il tuo profilo su Ducati.com per ricevere comunicazioni personalizzate e accedere a tutte le funzionalità.

Acconsenti alla trattativa sulla privacy
Inserisci una mail valida