Nuova Panigale V4 SP

Prezzo: 37.000€ i
Time Attack

Ducati amplia la famiglia Panigale V4 introducendo la versione numerata Panigale V4 SP, che attesta il ritorno dopo molti anni della sigla “SP” (Sport Production) sulla carena di una supersportiva Ducati. 

Introdotta per la prima volta sulla mitica Ducati 851, questa sigla indentificava le versioni che facevano da base per lo sviluppo delle moto da corsa impiegate nel Campionato Sport Production, precursore dell’attuale Super Stock. 

Ancora oggi, in Ducati, l’acronimo “SP” è utilizzato per riconoscere una moto di produzione con una dotazione tecnica specifica che la rende più veloce in pista. 

Guarda il 3° episodio della Ducati World Première

Scopri tutto sulla nuova Panigale V4 SP presentata da Alessandro Valia, Ducati Official Tester.

Colore

Livrea Winter Test in nero opaco con dettagli rosso acceso e serbatoio in alluminio spazzolato a vista
  • Livrea Winter test
Potenza
157.5 kW (214 CV) @ 13,000 giri/min
Coppia
124.0 Nm (12,6 kgm) @ 9,500 giri/min
Equipaggiamento di serie
Ducati Power Launch (DPL), Ducati Quick Shift (DQS) up/down EVO 2, Proiettore full LED con Daytime Running Light (DRL), Ducati Electronic Suspension (DES) EVO con sospensioni e ammortizzatore di sterzo Öhlins, Batteria al Litio, Selezione rapida dei controlli, Spegnimento automatico indicatori di direzione, Manopole dedicate, Pinna paracatena, Cerchi in fibra di carbonio, Parafango anteriore in fibra di carbonio, Ali in fibra di carbonio, Pedane pilota regolabili in alluminio con paratacchi in carbonio, Testa di sterzo in alluminio ricavata dal pieno con numero della moto.
Peso a secco
173 kg
Manutenzione (km/mesi)
12.000 km / 12 mesi
Specifiche tecniche
Cerchi in carbonio

I cerchi in carbonio, più leggeri di 1,4 kg rispetto a quelli forgiati in alluminio, riducono l’inerzia di rotolamento, rendendo la moto sensibilmente più agile e leggera nei cambi di direzione.

Pinze Brembo Stylema R®

Le pinze freno Brembo Stylema R® garantiscono un’elevata potenza frenante, oltre a un’eccezionale costanza di rendimento anche nel corso di una lunga sessione cronometrata senza modifiche alla corsa della leva freno. Le pinze sono azionate da una pompa radiale Brembo MCS che permette la regolazione rapida del feeling di frenata. La regolazione della distanza della leva freno è dotata del dispositivo di “remote adjusting”, che permette di regolare la posizione della leva agendo su un pomello posto sulla manopola sinistra, come avviene sulle moto da corsa.

Equipaggiamento

L’equipaggiamento della Panigale V4 SP è completato dalle pedane pilota regolabili in alluminio ricavate dal pieno che consentono al pilota di trovare la posiziona ottimale in sella, dal parafango anteriore in carbonio.

leggi di più
Frizione a secco

Il Desmosedici Stradale della “SP” monta la frizione a secco, indispensabile per essere efficaci in pista nella guida al limite, ed è accoppiato ad una trasmissione finale con catena da 520, più stretta di quella di normale produzione quindi più leggera.

Ducati Traction Control (DTC) EVO 3

Questa nuova strategia si inserisce nella ricerca continua del miglioramento del tempo sul giro attraverso interventi che rendano la guida sempre più intuitiva, meno affaticante, e per questo più efficace per un maggiore divertimento in pista.

In uscita di curva, quando si prende in mano il gas, normalmente può accadere che al termine della fase di recupero giochi della “drive line”, si abbia uno slittamento indesiderato e non previsto della ruota posteriore dovuto al picco di accelerazione dell’albero motore, che disturba il pilota nel momento in cui sta dosando la riapertura dell’acceleratore.

Il nuovo software regola in modo predittivo la coppia erogata, calibrando la velocità angolare dell’albero motore in modo da rendere fluida la fase di recupero giochi, questo si traduce in una accelerazione più lineare in uscita di curva con un miglior feeling di guida per il pilota. 

La nuova strategia è attiva in tutti i livelli del DTC indicati per pista asciutta (livelli da 1 a 4) ed in quello per pista bagnata con pneumatici “rain” (livello 7).

Nel grafico seguente sono riportate le acquisizioni sovrapposte di due giri: le linee grigie si riferiscono a segnali con strategia spenta, le linee rosse ai segnali nello stesso punto della pista con strategia accesa. I segnali sono l’acceleratore (APS) e la coppia alla ruota misurata con un perno ruota strumentato. Nell’intervallo di tempo evidenziato dalle due linee verticali (corrispondente alla percorrenza della curva 2 del circuito di Alcarrás) si può vedere che il DTC EVO 3 riduce il picco di coppia alla ruota, e conseguentemente permette al pilota di dare più gas.

Nuova strategia Ducati Riding Mode

La Panigale V4 SP è caratterizzata da una nuova strategia dei Riding Mode che consente al pilota di effettuare in pista confronti rapidi tra due diverse configurazioni per definire il migliore set-up. Il Riding Mode Race è stato sdoppiato in due mappature specifiche per l’utilizzo pista (Race A e Race B), ora confrontabili liberamente nei singoli parametri, che si affiancano ai già esistenti Sport e Street.

I Riding Mode consentono di scegliere fra quattro differenti stili di guida preimpostati per offrire un comportamento della Panigale V4 SP perfettamente adattabile al pilota, al tipo di tracciato ed alle condizioni ambientali. Ciascun Riding Mode è programmato per variare istantaneamente il carattere del motore, i parametri dei controlli elettronici.

Riding Mode Race A – il riding mode Race A nella sua configurazione di default è stato sviluppato per i piloti esperti che vogliono sfruttare tutto il potenziale della moto in pista. Selezionando Race A, il pilota può contare su tutta la potenza del motore con risposta diretta del ride-by-wire all'apertura del gas. La modalità Race A prevede un settaggio dell’elettronica orientato al raggiungimento della massima performance su piste con asfalti regolari ed elevato grip, senza diminuire il livello di sicurezza, con l’ABS che interviene solo sulla ruota anteriore per offrire la massima prestazione in frenata, ma con la funzionalità Cornering sempre attiva. 

Riding Mode Race B – selezionando il Riding Mode Race B il pilota può contare su tutta la potenza del motore ma con erogazione della coppia ridotta in 1°, 2° e 3° marcia rispetto al Race A, al fine di rendere la moto più gestibile durante le lunghe sessioni in pista, su circuiti con caratteristiche che privilegiano la percorrenza piuttosto che la forte accelerazione o caratterizzati da fondi irregolari o a bassa aderenza. I controlli elettronici sono settati in modo tale da consentire anche ai piloti meno smaliziati una condotta di guida efficace e spettacolare.

Scopri la gamma Panigale

Stile, design, sicurezza e protezione: la linea di abbigliamento Ducati è perfetta per ogni occasione, sia dentro che fuori dalla pista! 

Contatta Concessionario

Contatta il concessionario più vicino a te per avere maggiori informazioni sulla nuova Panigale V4 SP.

contatta concessionario
Iscriviti alla newsletter

Inserendo il tuo indirizzo email sarai sempre aggiornato sulle novità e le promozioni Ducati.

Puoi in qualsiasi momento completare la tua registrazione e creare il tuo profilo nella sezione MyDucati per ricevere comunicazioni personalizzate e accedere a tutte le funzionalità.

Acconsenti all'informativa privacy
Inserisci una email valida

Nuova strategia Ducati Riding Mode

La Panigale V4 per il 2021 è caratterizzata da una nuova strategia dei Riding Mode che consente al pilota di effettuare in pista confronti rapidi tra due diverse configurazioni per definire il migliore set-up. Il Riding Mode Race è stato sdoppiato in due mappature specifiche per l’utilizzo pista (Race A e Race B), ora confrontabili liberamente nei singoli parametri, che si affiancano ai già esistenti Sport e Street.

I Riding Mode consentono di scegliere fra quattro differenti stili di guida preimpostati per offrire un comportamento della Panigale V4 perfettamente adattabile al pilota, al tipo di tracciato ed alle condizioni ambientali. Ciascun Riding Mode è programmato per variare istantaneamente il carattere del motore, i parametri dei controlli elettronici e, nella versione “S”, anche l'assetto delle sospensioni. Ovviamente è data possibilità al pilota di personalizzarsi i propri stili di guida e di ripristinare successivamente i parametri impostati da Ducati.

Riding Mode Race A – il riding mode Race A nella sua configurazione di default è stato sviluppato per i piloti esperti che vogliono sfruttare tutto il potenziale della moto in pista. Selezionando Race A, il pilota può contare su tutta la potenza del motore con risposta diretta del ride-by-wire all'apertura del gas. La modalità Race A prevede un settaggio dell’elettronica orientato al raggiungimento della massima performance su piste con asfalti regolari ed elevato grip, senza diminuire il livello di sicurezza, con l’ABS che interviene solo sulla ruota anteriore per offrire la massima prestazione in frenata, ma con la funzionalità Cornering sempre attiva. Le regolazioni del sistema DES, sulla versione “S”, sono settate con alto contributo del controllo dinamico nelle fasi di accelerazione e frenata per garantire stabilità e precisione anche nelle manovre più forzate.

Riding Mode Race B – selezionando il Riding Mode Race B il pilota può contare su tutta la potenza del motore ma con erogazione della coppia ridotta in 1°, 2° e 3° marcia rispetto al Race A, al fine di rendere la moto più gestibile durante le lunghe sessioni in pista, su circuiti con caratteristiche che privilegiano la percorrenza piuttosto che la forte accelerazione o caratterizzati da fondi irregolari o a bassa aderenza. I controlli elettronici sono settati in modo tale da consentire anche ai piloti meno smaliziati una condotta di guida efficace e spettacolare. Le regolazioni del sistema DES garantiscono sicurezza in percorrenza e alti livelli di grip anche in condizioni di fondo disconnesso o scivoloso.