RedBull ring, il terreno di caccia ideale della Desmosedici GP

Il mondiale MotoGP non si ferma e dopo il trionfo di Brno il Ducati Team è di nuovo in pista per affrontare la gara al RedBull Ring

La gara di Brno ha confermato la competitività della Desmosedici GP e la perentoria doppietta ottenuta su di un circuito che in passato ha dato non pochi grattacapi agli uomini di Ducati Corse, è la dimostrazione del livello assoluto raggiunto. Dovizioso è stato autore di una gara perfetta, gestendo le gomme come solo lui sa fare, arrivando alla volata finale certo di avere tutti le armi per potersi imporre. Lorenzo è stato autore anche lui di una gara spettacolare, in lotta per giocarsi anche il gradino più alto del podio, ma dovendo lasciare il successo finale ad un irresistibile Dovizioso. Dopo la gara in Repubblica Ceca, il Ducati Team si è trasferito velocemente a Zeltweg pronto per scendere in pista anche questo week-end. 

Per il terzo anno consecutivo, la MotoGP fa tappa al RedBull ring ed il circuito austriaco non può non destare bei ricordi a tutti i Ducatisti. Proprio qui infatti nel 2016 il Ducati Team fu in grado di centrare una doppietta, sancendo il ritorno al successo dopo un lungo digiuno. Iannone e Dovizioso dominarono in lungo ed in largo il week-end portando le loro Desmosedici al primo e secondo posto. Lo scorso anno poi Dovizioso ribadì la superiorità della Desmosedici GP in terra austriaca con una splendida vittoria in volata su Marquez. Pista favorevole quindi alle moto di Borgo Panigale, grazie alle violente accelerazioni imposte dalle curve del tracciato austriaco e dove il motore V4 riesce ad esprimere tutto il suo potenziale.

 La conformazione della pista austriaca non può essere ovviamente una garanzia di vittoria per la moto bolognese e, seppure il vantaggio che la configurazione aerodinamica dava negli anni passati è andato via via scemando, questo rimane un tracciato dove la Desmosedici GP si trova più che mai all’interno della propria “comfort zone”. L’attenzione andrà rivolta anche alle altre Ducati presenti in pista, vista la competitività delle moto bolognesi in Austria e siamo certi che Petrucci Miller e il ritrovato Bautista saranno capaci di prestazioni in linea con i migliori.

GP di Austria
Red Bull Ring – Spielberg (GP di Austria)
9 agosto - 11 agosto 2019 Red Bull Ring – Spielberg
Info Generali

Il circuito Red Bull Ring, in precedenza noto come Österreichring, è uno storico autodromo situato in Austria, nelle vicinanze di Spielberg in Stiria. L'impianto, costruito nel 1969, è rimasto per lungo tempo inattivo dopo aver subito negli anni novanta un importante rinnovamento che ha modificato il suo layout, ed ha ripreso l’attività nel 2011. La lunghezza totale del tracciato è di 4318 metri e la configurazione prevede dieci curve con un dislivello di 65 metri.

Dati circuito
  • Lunghezza 4.326 Km
  • Curve 9
  • Giro record 1'23''827
  • Numero giri 28
  • Velocità media 185.4
  • 9 agosto
    • Prove libere 1 UTC
    • Prove libere 2 UTC
  • 10 agosto
    • Prove libere 3 UTC
    • Prove libere 4 UTC
    • Qualifiche 1 UTC
    • Qualifiche 2 UTC
  • 11 agosto
    • Gara UTC
Per tutti i Ducatisti sarà possibile seguire gli aggiornamenti live dalla pista e commentare le gare insieme a noi su Twitter e sui nostri account ufficiali Facebook e Instagram e non dimenticate di usare l'hashtag #forzaducati