125 GP Desmo

Con il sistema Desmodromico del 1956, le monocilindriche Ducati raggiunsero il culmine del loro sviluppo. Da questo punto di vista, il Trialbero Desmo 125 si caratterizza come la prima Ducati veramente riconoscibile. La sua creazione è stata un momento fondamentale nella storia dell'ingegneria motociclistica. Ecco una citazione di Taglioni dal periodico Motociclismo: "Lo scopo primario del sistema è di costringere la valvola a seguire fedelmente il diagramma di distribuzione, mentre il risparmio di energia dispersa è pressoché trascurabile. Si ha una maggiore costanza nelle prestazioni e una maggiore sicurezza di funzionamento".

Il motore e il telaio del 125 Trialbero Bicilindrico forniscono un esempio che riassume il contesto storico delle sue origini negli anni Cinquanta. Da un punto di vista tecnico, questo è stato uno dei periodi più fertili nella storia delle corse motociclistiche. In effetti, le regolamentazioni internazionali, a differenza di quelle odierne, davano mano libera ai progettisti, liberi di tentare ogni possibile approccio.

Nel 1958, appena un anno prima del suo ritiro dalle partecipazioni ufficiali nelle corse, la Casa bolognese non soltanto aveva proposto il suo fantastico monocilindrico Trialbero Desmo 125, ma aveva anche sviluppato il Bicilindrico arrivato terzo a Monza. E, nello stesso periodo, Taglioni stava progettando un bialbero a quattro cilindri. 

Cilindrata
124,6 cc
Potenza
19 CV a 13000 giri/min
Velocità massima
Non disponibile
Peso a secco
Non disponibile
Iscriviti alla newsletter

Inserendo il tuo indirizzo email sarai sempre aggiornato sulle novità e le promozioni Ducati.

Iscriviti a MyDucati per accedere a contenuti esclusivi e comunicazioni personalizzate.

Acconsenti all'informativa privacy
Inserisci una email valida